CONCERTO DEL 26 SETTEMBRE AL RADIO LONDRA CAFFE' ROMA!.
  by Valentina P.
 

Ce l'ho fatta...sono sopravvissuta ...si ragazzi questo concerto è stato...AMAZING in tutti i sensi...prima cosa il posto, il mitico "Radio Londra Caffè" per trovarlo e restarci dentro senza sclerare è stata una vera impresa...e poi il concerto, travolgente al massimo.
Appena arrivate (eravamo un po' in anticipo per un precedente appuntamento saltato) Monika (la mia migliore amica) ed io ci siamo godute sole solette le prove degli Eurosmith …
Verso le 21 tra una chiacchiera e l'altra abbiamo cominciato a cenare, il locale si riempie sempre di più, fino a quando intorno alle 23.00 strabocca di gente. E' quasi mezzanotte quando il concerto comincia. L'arrivo della band direttamente da dietro la folla, scalda tutti i presenti che un po' perplessi e decisamente sorpresi fanno largo agli Eurosmith. Lo spettacolo inizia! … la prima canzone è... VUOTO non mi ricordo una mazza !ero talmente presa che non mi ricordo l'ordine delle canzoni nè tantomeno l'intera scaletta! …cmq… La band si è esibita per ben due ore suonando pezzi come "Mama Kin", "Rag doll", "Walk this way", "Eat the rich" e ancora "Dream on", "Crazy", "Love in an elevator", "Amazing" fino ad arrivare a "Falling in love ", "Jaded" e tantissime altre. E' stata una continua emozione, Luca ha il marchio "Tyler" nella vene, basta guardarlo per capirlo. Gli Eurosmith non si fermano praticamente mai, solo una breve pausa a metà concerto per riprendere poco dopo con l'altra metà piena ancora, delle migliori canzoni degli Aerosmith.

Luca coinvolge il pubblico al 100%, ha fatto più volte cantare (proprio come vuole lo stile "tyleriano") i "fans" che erano nelle prime file e non solo...una di queste sono stata io... , ha una skiera di fans accaniti che lui ha prontamente ringraziato dedicando loro "I don't wanna miss a thing", mi è piaciuto molto quello che ha fatto ... Steven è una persona eccezionale e per imitarlo non basta solo cantare i suoi pezzi o indossare i suoi aibiti…bisogna andare oltre…
"Are you gonna go my way" [di Lenny Kravitz] conclude questo concerto favoloso.

Il resto della band: ... non ci si può di certo sbagliare su ki dei 6 sia più "uguale" all'originale, ovvero Luca , ma anche gli altri a loro modo hanno qualcosa di "aerosmithiano" ,Joe Perry ha sicuramente ripreso l'abilità del vero Joe…, sono rimasta un po' sorpresa per la discreta preparazione del bassista ha sbagliato varie volte, ma ho scoperto in seguito che è una new entry della band, quindi è perdonato ...ok anche il tastierista, (che nella band originale è solo un'aggiunta on the road), il batterista è MOLTO bravo ed ha una grinta travolgente, sempre molto importante, a mio avviso per il resto della band, i complimenti non si sprecano neanche con il secondo chitarrista very cool!.

Dopo il concerto come da "copione" ci dirigiamo verso il palco per conoscere la band, ma per il momento l'unico con cui ci presentiamo è Luca.
Luca oltre a Steven mi ricoda molto Jim Morrison...il suo modo di parlare molto soft e sexy ti spiazza, sembra nato per stare sul palco… ha quella carica che solo pochi realmente hanno e non mi stupisce affatto che ovunque vada (ndr è anche il leader della tribute band inglese i "Toxic Twins") faccia scintille.

Per dare un giudizio completo sulla band e magari una recensione più dettagliata ho bisogno di ascoltarli almeno una seconda volta, spero che il prossimo concerto abbia un'acustica migliore, anzi un locale migliore dove l'acustica si senta come si deve, nulla da dire però alla band nel complesso, mi hanno dato una sensazione di vero affiatamento, sono bravi e li consiglio non solo ai fans degli Aerosmith, ma a tutti quelli che amano e vogliono ascoltare vero rock!.

C-ya alla prossima. Valentina