H O M E - THE MEETING - PART ONE (read the ENGLISH VERSION)

Luca e gli Eurosmith
incontrano Steven e gli Aerosmith

"Steve si voltò dal centro del palco verso di noi e su Falling in Love venne a cantare vicinissimo.
E fu lì che mi ritrovai a cantare con lui alcuni versi ...
L'ultimo atto di un incontro eccezionale fu quello di ricevere la sua armonica in C durante lo show!"

Credo si possa dire che tutto sia partito dal camerino di un locale, il "Thunder Road": come in un puzzle di avvenimenti che si incastrano, siamo arrivati agli Aerosmith.
Ci vennero a far visita nel backstage alcuni fans che avevano appena assistito alla nostra gig. Rimase particolarmente colpito un entusiasta fan degli Aerosmith, Achille Marabelli, divenuto da allora anche nostro amico.
Ci parlò della possibilità di incontrare personalmente la fondatrice dell'Italian Aerosmith Fan Club, Marinella Carraro, sua conoscente.
Da parte mia già avevo tentato di incontrare gli Aerosmith, andando fino a Wembley per un loro show, ma né per le strade della city, né nel backstage avevo avuto la chance per incontrarli..
Spedimmo del materiale audio e fotografico al fan club e conobbi Marinella in occasione del concerto Aerosmith a Monza, dopo la performance.
Ci aiutò moltissimo quando mostrò una mia foto a Steven, spiegandogli che eravamo una Tribute
Band. Steven rimase incuriosito della vicenda ma neanche in quell'occasione ci fu possibilità di un incontro.
Fu due giorni più tardi, al "Neapolis Rock Festival" che il fan club riservò 2 pass per me e per David Benedetti, allora nei panni di Joe Perry negli Eurosmith; Giovanni Volpi,, allora collaboratore di Marinella Carraro, mi accompagnò gentilmente nel backstage per incontrare Johnn Bionelli (Aerosmith Road Manager) e parlare con quest'ultimo per un eventuale incontro con la band.
Attesi dietro le quinte,con i Black Crows a due metri da me,che si preparavano alla loro performance, potevo intravedere le ombre degli Aerosmith riflesse su di un recinto di canne di bamboo, usato come paravento.
Ero lì, aspettando Mr. Bionelli per un ok, quando un carissimo amico, (conosciuto precedentemente a Napoli durante un nostro show all'Antica Birreria)presente nello staff come organizzatore, mi prese per un braccio e mi disse: "Te l'avevo detto che ti avrei presentato agli Aerosmith!" e mi trascinò oltre il recinto.
Incontrai per primo Brad Withford che sorridente si presentò, ed io gli dissi che li stavo seguendo fin da Londra per incontrarli.
Mi voltai e vidi in quell'istante Steven Tyler uscire dal camerino. Mi diede un'occhiata sorpreso, gli andai incontro e gli dissi:" So, Steve, it's true that sometimes dreams come true!! "Mi si avvicinò veloce, ci stringemmo la mano e guardandosi intorno esclamò:" Yeah! Where's the camera?" Mi presentò poi Mr.Joe Perry che fu anche lui estremamente disponibile.
In quel momento anche Marinella Carraro , Giovanni Volpi , David Benedetti e Achille entrarono in scena e fu un incontro veramente speciale.
Steven portò dei bracciali e ci fu uno scambio di ornamenti personali ;parlammo un po'. disse che" a volte è difficile capire le parole ma la cosa importante è catturare le emozioni della musica…." Non era un problema, potevamo fare l'uno e l'altro: Ci scattammo delle foto reciprocamente: e Steve rimase da solo con noi fino a quando qualcuno dello staff arrivò per dirgli che era tempo di prepararsi .
Lui rispose "Just a moment!" e alla fine, dopo saluti e abbracci, un'insperata situazione si presentò: Steve stesso ci invitò ad assistere allo show dal palco e si raccomandò allo staff di accompagnarci.
Salimmo rasentando lo stage. Il sipario era ancora aperto, potevamo vedere le migliaia di persone attendere ,ci raggiunse poco dopo anche Claudio Di Felici, il nostro batterista.
I Bad Boys erano ancora nei camerini, ma già vibravo per le note che stavano per arrivare.
Eravamo al lato del palco e ci abbandonammo ad un festino di piccole danze e risate, quando, facendo io un paio di piroette, udii il pubblico urlare, perché nel farlo mi ero esposto un po' troppo. Ripetei divertito la cosa e ancora un coro di voci esultanti…mi avevano scambiato per qualcun altro…..
Corremmo il rischio di essere buttati fuori dalla security ancor prima dell'inizio del concerto. Finalmente gli Aerosmith salirono on stage. Le tende erano chiuse, ogni componente prendeva posizione. Steve rimaneva a parlare e giocare, schiaffeggiando ripetutamente le mani con Joe Kramer.
Fu divertentissimo e io e il mio drummer facemmo la stessa cosa contemporaneamente.
I primi suoni e le prime luci, Steve ci soprese ancora una volta e ancora di più quando, sull' intro di "Nine Lives", salì su di uno scalino della pedana della batteria, si voltò verso di noi e sorridendo indicò con la mano destra i bracciali che indossava sulla sinistra , quelli che ci eravamo scambiati pochi minuti prima.
Andai in visibilio, mi lasciai andare ad una danza frenetica quando lo show iniziò con "Eat The Rich", il brano che usualmente apriva anche i nostri live.
Il sound dal palco era assordante ma potevamo gustarci in pieno la miglior maniera di fare rock dai migliori rockers in circolazione!
Steve si voltò dal centro del palco verso di noi e su "Falling in Love" venne a cantare vicinissimo.
E fu lì che mi ritrovai a cantare con lui alcuni versi………….
Lo show continuava serrante, Steve indicò allo staff di farci spostare in una migliore posizione.
Camminammo dietro lo stage, fino ad arrivare al lato opposto e andammo vicino a Johnn Bionelli.
L sound era decisamente migliore e noi eravamo più sciolti nel muoverci.
L'ultimo atto di un incontro eccezionale fu quello di ricevere la sua armonica in C durante lo show!

Thank you very much, Steve!!


Thanx to the whole band and to the staff
for having made possible a dream come true!

Thanx to the Italian Aerosmith Fan Club

God bless you……

Luca

EUROSMITH - AEROSMITH TRIBUTE BAND
Menu: home - band - news - video - mp3 - photos - press - links - guestbook - contact


Design, Heart and Soul by
FABERWEB.biz - Matteo Santiloni
m.santiloni@faberweb.biz